5+ invenzioni e idee per fermare le inondazioni

Dalle barriere a scomparsa alla prevenzione delle inondazioni LiDAR, questi strumenti potrebbero cambiare il futuro.

Sistemi contro le inondazioni
Sistemi contro le inondazioni

Le inondazioni sono un problema onnipresente che si aggrava sempre più con il riscaldamento del mondo. Dall’innalzamento del livello del mare dovuto allo scioglimento dei ghiacci artici a eventi meteorologici estremi che causano tempeste di mostri, le popolazioni lungo le coste e nelle pianure alluvionali devono affrontare rischi di inondazioni di una portata mai vista prima.

Quando si tratta di inondazioni, ci sono essenzialmente due possibilità: prevenzione o protezione.

La prevenzione delle inondazioni comprende una corretta pianificazione urbanistica, la giusta costruzione delle mura del mare e la giusta costruzione della casa. Anche con tutta la prevenzione che le moderne infrastrutture offrono, ci sono molti casi in cui la prevenzione non è sufficiente.

In questi casi abbiamo bisogno di protezione. Ciò può includere attrezzature come sacchi di sabbia o la costruzione di barriere temporanee di protezione dalle inondazioni e simili. Esaminiamo sette diverse soluzioni possibili per prevenire e ridurre al minimo il rischio di inondazioni.

1. Il Watergate a reazione rapida

Porta d'acqua
Water-Gate contro le inondazioni

Quando un’alluvione minaccia, spesso si ha bisogno di una barriera per proteggersi. I sacchetti di sabbia svolgono questo compito in molti scenari, Wat noto dispositivo può essere un’utile alternativa. Si tratta di un dispositivo rapido da usare, realizzato in materiale PVC. Utilizza la pressione dell’acqua in entrata per stabilizzarsi. Ciò significa essenzialmente che l’acqua dell’inondazione viene utilizzata per costruire la propria diga.

Poiché l’unità è realizzata in PVC leggero e una costruzione che utilizza la pressione dell’acqua per gonfiarla, l’unità stessa è molto compatta e può essere installata da una sola persona in pochi minuti o ore a seconda delle sue dimensioni.

Circondando un edificio con il cancello dell’acqua, si crea una diga temporanea intorno all’edificio. È anche completamente riutilizzabile, il che lo rende un’ottima opzione per chi vive in una regione soggetta a inondazioni.

2. La barriera contro la tempesta di Maeslant nei Paesi Bassi

Barriera antitempesta Maeslant
Barriera antitempesta Maeslant

Il sistema olandese Delta Works è uno dei sistemi di protezione dalle inondazioni più completi al mondo. Questa complessa rete di barriere contro le inondazioni è il risultato del fatto che il paese si trova quasi interamente sotto il livello del mare.

Una barriera notevole che fa parte del Delta Works è il Maeslantkering, noto anche come barriera contro le tempeste di Maeslant. Questa barriera è stata completata nel 1997 ed è ancora una delle più grandi strutture mobili del mondo.

Quando l’acqua sale nell’ambiente, i sensori fanno scattare la chiusura delle pareti e i serbatoi d’acqua si riempiono lungo la barriera. Questo peso d’acqua fa sì che i muri vengano premuti con forza sulle loro fondamenta e impedisce che l’inondazione sfondi i cancelli.

3. Protezione dalle inondazioni con l’aquobex

barriera parapioggia
barriera parapioggia

Abbiamo passato un po’ di tempo a discutere delle principali barriere. Per un dispositivo più piccolo abbiamo il sistema di barriere d’ingresso Aquobex. Si tratta di una piccola diga progettata per sigillare porte e ingressi agli edifici. Impermeabilizzando con le superfici circostanti, l’acqua di risalita non può entrare nell’edificio quando queste barriere sono installate a tutti gli ingressi dell’edificio.

La barriera è completamente riutilizzabile e può essere impiegata rapidamente in caso di emergenza.

4. La barriera del Tamigi

Barriera del Tamigi
Barriera del Tamigi

Le inondazioni lungo il Tamigi in Inghilterra sono state un problema persistente nel corso della sua storia. Per contrastare questo, gli ingegneri hanno progettato un sistema di barriere mobili in acciaio cavo. Queste strutture formano delle chiuse che possono essere chiuse ruotando durante i periodi di forte allagamento per impedire il passaggio dell’acqua. Questo progetto permette alle navi e ad altri tipi di traffico acquatico di passare facilmente in tempi normali, ma le autorità possono ancora rapidamente formare una barriera quando le inondazioni sono minacciate.

Queste strutture sono in funzione dal loro completamento nel 1984 e da allora sono state utilizzate più di 100 volte per proteggere l’ambiente dalla distruzione.

5. Opti

Protezione dalle inondazioni Opti
Sistemi di protezione dalle inondazioni Opti

(1)Opti(2) è uno dei sistemi di protezione dalle inondazioni più singolari di questa lista. Opti non è un sistema a barriera, ma un’azienda che utilizza un software di gestione dati per mappare e (1)Opti(2)mierung i sistemi di drenaggio delle acque piovane delle città.

La maggior parte delle città di tutto il mondo ha una sorta di metodo pianificato per gestire l’acqua piovana nelle strade delle città. Questo può includere una serie di sistemi di drenaggio e stoccaggio dell’acqua piovana, ma questi sistemi non sono sempre in funzione e non sempre funzionano al 100%.

Questa start-up ha raccolto oltre 11 milioni di dollari in una prima fase di investimenti. Utilizza la tecnologia di mappatura per prevedere dove si verificheranno le inondazioni in una città e consente agli urbanisti di sapere con maggiore precisione dove progettare bacini di ritenzione e altri sistemi di gestione delle inondazioni.

Soprattutto per quanto riguarda i bacini di ritenzione, questi sono uno dei metodi di prevenzione più utili che possono essere utilizzati per proteggere le città dalle inondazioni. Si tratta fondamentalmente di grandi buchi nel terreno che si riempiono con l’acqua in eccesso del sistema di drenaggio. Quando una tempesta è finita, l’acqua esce dallo stagno. Tuttavia, se questi bacini di ritenzione traboccano, possono essere cattive notizie.

Il software sviluppato da Opti tiene traccia delle previsioni del tempo e prevede dove, in una città, è più probabile che si verifichi un’inondazione durante una tempesta. In alcune città, gli ingegneri hanno il controllo su quanta acqua c’è in un determinato bacino di ritenzione. Con Opti, questi ingegneri possono utilizzare il software per sapere quando svuotare uno stagno e quando riempirne un altro, il tutto con una correlazione con le previsioni meteo reali della zona.

Il sistema è stato installato in oltre 130 città degli Stati Uniti. Sebbene l’azienda sappia di non poter prevenire le inondazioni, spera che la sua tecnologia riduca al minimo i danni dovuti alle inondazioni quando si verificano.

6° LiDAR mappatura del rischio di inondazione

Mappatura Lidar
Mappatura Lidar contro le inondazioni

A Bangkok, Thailandia, la mappatura LiDAR viene utilizzata per sviluppare carte altimetriche e modelli per capire dove è necessario concentrare le risorse per la protezione dalle inondazioni. LiDAR, o Light-Detection and Ranging, consente la creazione di una mappa altimetrica 3D che permette agli ingegneri di sviluppare modelli altimetrici altamente accurati per una specifica area urbana.

La città utilizza anche aerei senza pilota per analizzare la rete di drenaggio della città alla ricerca di ostacoli che potrebbero ostruire il flusso dell’acqua, come un albero bloccato in uno scarico o l’accumulo di rifiuti in un tubo di scarico.

La Thailandia nel suo complesso è stata gravemente colpita dalle inondazioni dell’ultimo decennio, il che ha portato il paese a utilizzare un così alto livello di tecnologia nella prevenzione e nella pianificazione delle inondazioni.