Un’azienda produce il primo mini cuore stampato in 3D

BIOLIFE4D, la start-up di Chicago, ha dimostrato la capacità di stampare un mini cuore in 3D.

Stampante 3D cuore
Il primo cuore della stampante 3D

La stampa 3D sta cambiando tutti i settori industriali, dallo spazio all’edilizia. Ora possiamo aggiungere l’assistenza sanitaria alla lista.

BIOLIFE4D, l’azienda biotecnologica con sede a Chicago, ha annunciato di aver dimostrato con successo la capacità di realizzare una biostampa 3D di un mini cuore umano – un passo importante verso la stampa, un giorno, di un cuore umano a grandezza naturale che può essere utilizzato per il trapianto.

Mini cuore, stampato con la struttura di un cuore in dimensioni originali

In un comunicato stampa BIOLIFE4D ha dichiarato che la pietra miliare è stata raggiunta presso la sua struttura di ricerca JLABS a Houston. Era guidata dal direttore scientifico dell’azienda, il dottor Ravi Birla. Il mini cuore è stato stampato con la struttura di un cuore a grandezza naturale, incluse quattro camere interne. Riproduce le funzioni parziali di un cuore a grandezza naturale, che secondo i ricercatori era il gabinetto dove chiunque poteva realizzare un cuore funzionante utilizzando la biostampa 3D.

“Siamo molto orgogliosi di ciò che abbiamo raggiunto, dalla capacità di biostampare il tessuto del cuore umano in 3D la scorsa estate, a un mini cuore con una struttura completa ora. Queste pietre miliari sono una testimonianza del duro lavoro del nostro team e del processo proprietario che abbiamo sviluppato per rendere possibile questo tipo di risultato scientifico”, ha dichiarato Birla in un comunicato stampa.  “Crediamo di essere all’avanguardia nel campo delle biotecnologie per tutto il cuore, un settore che è maturato rapidamente nell’ultimo anno, e che siamo ben posizionati per continuare il nostro rapido progresso scientifico”.

BIOLIFE4D ha sviluppato uno speciale Bioink

Per stampare il mini cuore, i ricercatori di BIOLIFE4D stanno creando un Bioink con una composizione specifica di diversi composti a matrice extracellulare che riproduce le proprietà di un cuore. È stato inoltre creato un algoritmo di biostampa. Quando i due sono stati combinati, è stato possibile produrre una bio-stampa del cuore.

L’azienda ha detto che, con questa pietra miliare sulle spalle, è ora pronta a lavorare per la pressione di un cuore umano a pieno titolo. All’inizio di quest’anno, l’azienda è stata in grado di bioripianificare in 3D vari singoli componenti del cuore come valvole, ventricoli, vasi sanguigni e tessuto cardiaco umano.

“Questo è un momento incredibilmente emozionante per BIOLIFE4D e siamo molto orgogliosi del dottor Birla e del team per questo grande risultato”, ha dichiarato Steven Morris, CEO di BIOLIFE4D nello stesso comunicato stampa. “Abbiamo iniziato questo viaggio con l’obiettivo finale di sviluppare una tecnologia che ha il potenziale per salvare vite umane e oggi siamo un passo più vicini al raggiungimento di questo obiettivo. Continueremo il nostro lavoro fino a quando non saremo in grado di creare biostampe 3D a grandezza naturale di cuori da trapiantare e cambiare per sempre il modo in cui le malattie cardiache vengono trattate.